Eicos il Software per la Dieta a Zona
Scarica oggi Eicos e crea il tuo piano alimentare secondo i principi della Dieta a Zona.
Eicos è la soluzione ideale per provare tutti i benefici della Dieta a Zona del Dott. Barry Sears
Schede d'allenamento
Composizone nutrizionale degli alimenti
Indice Glicemico degli alimenti
Galleria Fotografica Professionisti
Invia una Cartolina

Risultati da 1 a 12 di 12

Discussione: Supplemento a "perchè a me non riesce lo squat"

  1. #1
    L'avatar di IronPaolo
    IronPaolo non  è collegato Arnold Schwarzenegger
    Data Registrazione
    Nov 2004
    Località
    220-162.5-270 gara completa
    Messaggi
    3,049

    Predefinito Supplemento a "perchè a me non riesce lo squat"



    E’ più forte di me… il mio complesso di inferiorità mi porta a questi titoli… come "supplemento a Oltre Brawn" ecco il supplemento agli altri 2 articoli. La differenza è nel numero di copie vendute, ma sono sottigliezze su cui non starei tanto a formalizzarmi.

    La storiella della tavoletta è drammatica. Devo smettere di usare questa parola. Per alcuni sembra che io voglia consigliare pratiche altamente lesive delle articolazioni.

    Per sgombrare il campo da ogni dubbio, il punto è che la tavoletta, lo spessore, il cuneo, l’oggetto, il supporto, l’apparecchio antigravitazionale che userete in questa demoniaca pratica deve essere AL MASSIMO 4cm.
    Questi 4cm vanno dalla nuda pelle del vostro tallone al freddo pavimento. 4cm in tutto. Proprio 4cm perchè 4cm è IL MASSIMO consentito per le scarpe omologate per il powerlifting. Utilizzo ancora una volta il regolamento ufficiale IPF perchè è l’unico che dà dei riferimenti. Il concetto è che gli atleti possono avere una rigidità di caviglia tale da non poter riuscire a seguire le regole per uno squat valido. Il regolamento stabilisce una tolleranza nel tacco delle scarpe tale da permettere a tutti di poter squattare in maniera regolamentare. Questo margine è al massimo 4cm. Perciò o voi riuscite a squattare con un tacco fatto così, oppure potete dire addio alla possibilità di fare squat.

    I 4cm sono uno spartiacque, un criterio operativo.

    Sono tanti o sono pochi? Vi posto un po’ di confronti


    A sinistra 2 tavolette di truciolato di 2cm l’una (4cm misurati), a destra una all star a suola praticamente piatta. Diciamo 0.5cm di tacco netto, fra spessore del tacco e spessore della punta. Io con queste non riesco a fare squat. Zero. Nulla. Con qualunque peso e apertura delle gambe "ragionevole". Chiaramente se faccio una specie di spaccata patetica, riesco ad andare giù, ma sono così disgustoso che mi rifiuto di prendere in considerazione che mi potrei anche fare male… semplicemente troppo brutto per pensare una soluzione del genere.

    Enrico riesce a squattare con queste scarpe, lo stesso Valerio, ho visto un sacco di video di gente che bene o male le usa e ha degli squat buoni, come ho visto un sacco di persone che con queste scarpe ha delle esecuzioni terribili. E’ colpa delle scarpe? Devono mettere i trampoli? Semplicemente, queste persone devono rivalutare tutta la loro esecuzione, per vedere se sono le scarpe o meno.

    Voglio anche precisare una cosa: tutta questa storiella delle scarpe io PER ANNI non l’ho cacata manco di striscio… solo quando mi sono ripreso ho visto che tipo di squat avevo. Non voglio che pensiate che io sia un pontificatore di discorsi al popolo. Dico solamente: attenti. Riprendetevi. E vedete se avete lo squat così bello come pensate di avere.


    Queste sono le Nike sfondatissime che uso per praticamente tutto. Ho misurato circa 3cm di tacco netto, dato che la soletta interna arriva al pari dei 4cm, ma c’è ovviamente uno spessore della punta. Con queste riesco a squattare sotto il parallelo. Queste scarpe "nascono" con la tavoletta incorporata. Chiunque dovrebbe riuscire a squattare con scarpe del genere, senza nemmeno porsi tutto questo problema. Chiaramente scarpe del genere, morbide per assorbire l’impatto di una corsa, si schiacciano sotto il peso e lo spessore alla fine è inferiore ai 3cm.



    Queste sono le mitiche scarpe da powerlifting, quelle con il tacco famosissimo da 4cm. I 4cm sono comprensivi della soletta interna, come sempre. Onestamente, non mi pare che siano così alte rispetto alle altre… questi 4cm visivamente non è che siano tutto questo chè, non trovate? Insomma, non mi sembrano le scarpe di ferro che venivano arroventate per far confessare i peccati nelle torture medioevali della Santa Inquisizione.
    Queste sono un regalo del mio amico Valerio, che ringrazio ogni volta che faccio squat. Uso queste per 2 motivi. Il primo è che con queste non ho problemi di omologazione del materiale di gara. Sono per definizione omologate. Il secondo è che la suola è rigida e stabile.



    Questo è troppo, non lo dovete fare. Se siete costretti ad utilizzare uno spessore anche con queste scarpe, allora qualcosa non va. Magari state facendo lo squat a gambe strette "perchè così arriva meglio nei quadricipiti". Sbagliato. Cambiare postura, buttare via la tavoletta. Fare la pressa per i quadricipiti, 2×6 dopo lo squat.

    Ribadisco un concetto: gli spessori sotto i piedi sono degli strumenti. Non sono dannosi in se. Questo è ovvio e chi dice il contrario veramente non ha capito. Una bomba termonucleare non è pericolosa fino a che non scoppia, cioè fino a che non se ne fa uso. Se voi la fate scoppiare in un’isola deserta sotto 5Km di crosta terrestre è un conto, se accade la stessa cosa sotto la vostra macchina, un’altro. Così la tavoletta. Banalmente, se voi la guardate e basta, non vi causerà niente alle ginocchia. Se invece la usate male, vi farete male.

    Dovete mettere uno spessore sotto i talloni solo se assolutamente costretti. Ho già descritto la procedura. Ora avete un criterio di altezza massima.

    Sabato scorso è venuto a casa mia il mio amico Yuri e abbiamo fatto un po’ di squat. Ha una caviglia così mobile che gliel’ho fotografata per studiare l’angolo che riesce a raggiungere prima che si stacchi il tallone dal suolo (non voglio che pensiate che sia un feticista dei piedi ah ah ah - per me sono cose assurde, ma non vorrei divagare). Al mio amico non si staccano MAI i talloni da terra, uno spettacolo. Riesce ad arrivare a 45° di angolo fra tibia e piano orizzontale, mentre io al massimo arrivo a 55°.

    Vediamo cosa significa.


    A destra c’è il Paolino attuale, che può raggiungere un angolo tibia-orizzontale pari a 55°, gambe ad una apertura di 35° che se andate a provare è una apertura "tranquilla". Notate come il Centro di Massa (CM) sia spostato verso i talloni. Per questo non ho la stabilità necessaria per squattare senza tacco. Basta poco per andare indietro, e l’instabilità rende l’esecuzione titubante.

    A destra c’è il Paolino ideale che riesce ad arrivare all’angolo di Yuri, 45°. Il CM è piazzato quasi al centro dei piedi, perciò al parallelo la stabilità è ottima. Infatti il mio amico squatta a scarpe perfettamente piatte. A lui la tavoletta serve solo quando va al cesso ah ah ah scusate, non ce l’ho fatta a trattenermi.

    Nel mio caso, invece, quale soluzione posso attuare dopo averle provate tutte? Vediamo le due figure seguenti


    Sono sempre io, nella triste reltà della mia grama esistenza di squattatore impedito… A sinistra ho inserito nel modello uno spessore di 1cm. Notate come la trigonometria ci aiuta. Un piccolo rialzo provoca una piccola rotazione angolare che, per la lunghezza della tibia, provoca un grande spostamento lineare. Questa è la chiave di comprensione. Già con un minimo spessore io ottengo grandi vantaggi.

    Per ottenere lo stesso risultato che il mio amico baciato dalla fortuna ha gratis dalla sua caviglia, devo mettere uno spessore di 2.5cm, come riportato nella figura a destra. Non sto a riportare i disegnini, ma se Yuri si mette uno spessore di 2.5cm il suo CM è così avanti che sentirebbe di squattare in maniera instabile, cadendo in avanti.

    Il passo successivo è determinare un modello per il calcolo delle forze in gioco. Se il bacino e la colonna sono assurdamente complicate, il ginocchio è solo incredibilmente complicato. Lo scopo è studiare le famigerate "forze di taglio" di cui tutti parlano ma nessuno-dico-nessuno ha mai portato uno straccio di schema, Queste forze esistono chiaramente. Ma.. come si generano?

    Faccio qui una ipotesi, che voglio in seguito confutare o confermare: secondo me l’uso della tavoletta in chi non ha altra possibilità per fare squat genera delle forze di taglio inferiori a quelle generate dall’uso non richiesto. In altre parole, la tavoletta fa male se voi la usate e non dovete. Altrimenti no. Questa è una ipotesi di lavoro. Non so nemmeno io se è vera o meno. Ma ci lavorerò sopra.

    Che ci volete fare… io mi diverto così…

  2. #2
    L'avatar di menphisdaemon
    menphisdaemon non  è collegato Insane Moderator
    Data Registrazione
    Jan 2007
    Località
    92 Kg di cattiveria allo stato brado!!!
    Messaggi
    9,744

    Predefinito

    Il nostro Mc Robert...

  3. #3
    L'avatar di Nemintek
    Nemintek non  è collegato Jay Cutler
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Località
    173cm x 84kg (+)
    Messaggi
    6,158

    Predefinito

    Sempre fantastico Paolo, finchè non sei arrivato coi grafici ahahahahahahah scherzo tutto perfettamente chiaro come al solito, bella

  4. #4
    L'avatar di Sorma
    Sorma non  è collegato Mr Olympia
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    panca: 107 kg - deadlift: 175 kg - squat: 155 kg
    Messaggi
    1,167

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da IronPaolo Visualizza Messaggio

    Faccio qui una ipotesi, che voglio in seguito confutare o confermare: secondo me l’uso della tavoletta in chi non ha altra possibilità per fare squat genera delle forze di taglio inferiori a quelle generate dall’uso non richiesto. In altre parole, la tavoletta fa male se voi la usate e non dovete. Altrimenti no. Questa è una ipotesi di lavoro. Non so nemmeno io se è vera o meno. Ma ci lavorerò sopra.

    Che ci volete fare… io mi diverto così…
    A rigor di logica la tua ipotesi penso sia vera:

    1) le forze di taglio sono una funzione dell' inclinazione della tibia rispetto al piano verticale;

    2) la tibia di chi ha la caviglia meno mobile fa un angolo di 55° col suolo;

    3) mettendo un rialzo tale angolo può diventare, per chi è meno mobile, di 45° o poco più, cioè esattamente come l' angolo di chi è più mobile;

    4) a parità di angolo, lo squattatore "con tavoletta" e lo squattatore "natural" ( ) ricevono sul ginocchio le stesse forze di taglio.

    Se lo squattatore natural mettesse il rialzo per arrivare ad un angolo < di 45° rispetto al piano orizzontale, allora le forze di taglio inizierebbero a farsi sentire (tutta trigonometria...); stessa cosa per uno squattatore "impedito" che voglia incrementare l' altezza del suo rialzo.

    Ecco perchè "forse" FA MALE ad usare la tavoletta chi è già "on the grass" di suo... perchè diminuisce quel maledetto angolo (N.B. per i profani: più l' angolo diminuisce, più il ginocchio è spostato in avanti rispetto alla punta dei piedi...)...


    L' unica questione di cui sono all' oscuro è: qual è l' angolo limite di sopportazione per le forze di taglio, ovvero l' angolo al di sotto del quale la probabilità di infortunio superi, che ne so, il 45%? Potrebbe darsi che vari da persona a persona e potrebbe darsi che i "natural squatters" sopportino meglio angoli piccoli di quanto non lo facciano gli "helped-squatters", proprio perchè predisposti geneticamente a scendere con più facilità e di più dei secondi. O potrebbe darsi anche il contrario, chi lo sa...

    Ultima modifica di Sorma; 26-06-2007 alle 02:52 PM

  5. #5
    L'avatar di IronPaolo
    IronPaolo non  è collegato Arnold Schwarzenegger
    Data Registrazione
    Nov 2004
    Località
    220-162.5-270 gara completa
    Messaggi
    3,049

    Predefinito

    Grazie degli interventi!

    x Sorma: "dovrebbe" infatti essere così...

    Mi sto un po' documentando sulle forze di taglio etc. La cosa interessante (mi riservo di scriverci qualcosa quando IO ci avrò capito qualcosa ah ah ah) è che le forze di taglio ci sono SEMPRE. Non sono un "errore" o una postura sbagliata o che altro.

    Forze di taglio sul ginocchio ci sono in qualunque movimento, dal camminare allo scendere le scale al calciare un pallone. Per non esserci, si deve dormire tutto il giorno. Sono connesse alla meccanica del ginocchio. Del resto, scopo del crociato anteriore è proprio la stabilizzazione del ginocchio da traslazioni in avanti della tibia. Altrimenti, a che servirebbe?

    Detto questo, la domanda è: come variano queste forze di taglio? Poi: quale è il limite di queste forze di taglio che provocano stress sul ginocchio? E infine: la tavoletta quanto incrementa le forze di taglio?

    Mettiamola così (in unità adimensionali): supponiamo che senza tavoletta tu hai delle forze di taglio che valgono 10. Metti la tavoletta, schizzano a 100, decuplicano. Ma il tuo crociato anteriore può sopportare normalmente 1000 e di picco 5000.

    C'è un enorme incremento, ma questo è sempre irrilevante. Oppure no. Si tratta di stabilire questo.

    Trovo che in letteratura ci sia tantissima roba, ma non specifica per quello che vogliamo noi.

    Banale: ogni volta che calci il pallone generi forze di taglio mostruose. Però non è che ci siano tanti studi, del resto la soluzione al problema è... calciare più piano! E questo non è che sia possibile.

    Viceversa, ci sono tantissimi studi sul leg extension perchè è un attrezzo usato in riabilitazione, e qui sì che ci sono da provare 1000 cose per fare meglio questa riabilitazione... altrimenti l'effetto riabilitante è invece aggravante il problema.

    Poi ci sono tantissimi studi sulle forze di taglio nella deambulazione, infatti sono tutti studi che servono per determinare il funzionamento ottimale delle protesi o degli interventi di ricostruzione dei legamenti. Non ci sono studi su protesizzati che fanno squat con 200Kg... perchè uno che ha un ginocchio finto e vuole fare squat è solo un cretin.o...

    La questione è aperta.

  6. #6
    L'avatar di tattoos
    tattoos non  è collegato My life's a heavy luggage
    Data Registrazione
    Jul 2005
    Messaggi
    12,259

    Predefinito

    La Converse è nuova !

  7. #7
    L'avatar di IronPaolo
    IronPaolo non  è collegato Arnold Schwarzenegger
    Data Registrazione
    Nov 2004
    Località
    220-162.5-270 gara completa
    Messaggi
    3,049

    Predefinito

    Infatti...

  8. #8
    L'avatar di Sorma
    Sorma non  è collegato Mr Olympia
    Data Registrazione
    Apr 2006
    Località
    panca: 107 kg - deadlift: 175 kg - squat: 155 kg
    Messaggi
    1,167

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da IronPaolo Visualizza Messaggio

    Banale: ogni volta che calci il pallone generi forze di taglio mostruose. Però non è che ci siano tanti studi, del resto la soluzione al problema è... calciare più piano! E questo non è che sia possibile.

    Viceversa, ci sono tantissimi studi sul leg extension perchè è un attrezzo usato in riabilitazione, e qui sì che ci sono da provare 1000 cose per fare meglio questa riabilitazione... altrimenti l'effetto riabilitante è invece aggravante il problema.
    Sì è vero che le forze di taglio sul ginocchio ci sono quasi sempre, così come è vero che esse dipendono anche dall' angolazione che assume la tibia (anche se dovrei documentarmi meglio su questo punto...). Tuttavia penso che esse abbiano effetti diversi in situazioni diverse: insomma un conto è se le forze di taglio si generano in una situazione di "compressione" come quella dello squat, un altro conto se sono generate in una situazione di "estensione" come nel leg extension, un altro conto ancora sono forze di taglio associate a lavori compiuti da un atleta (come il calcio di un pallone...) che non è capace di erogare una forza di 150 kg (a parità di accelerazione intendo, fregandosene dei newton...) come è invece "erogata" da un bilanciere carico...

    Comunque aspetto con ansia il tuo studio sulle forze di taglio perchè io veramente con questi esami assurdi non ce la faccio a documentarmi per bene...

  9. #9
    L'avatar di The Undertaker
    The Undertaker non  è collegato Lee Haney
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Al mio via scatenate l'inferno
    Messaggi
    3,935

    Predefinito re..squat

    Io ormai lo squat lo faccio da diverso tempo...secondo me è solo una quastione di peso...Premesso che secondo me non fa tanto bene alle ginocchia l'accosciata completa, io blocco nella fase eccentrica dello squat e riparto....anche perchè ho un menisco asportato e un crociato rifatto!!!Però per quanto riguarda lo squat mi trovo meglio SENZA tavoletta fino ai 170/180 kg, dopo di che se aumento ancora mi si alzano i talloni, invece con la tavoletta arrivo tranquillamente fino a 300 kg...(penso il mio limite fisico).
    Sono a conoscenza che lo squat completo stimoli molto di più la coscia...sopratutto a livello dei bicipiti femorali, ma secondo me si può avviare a questo problema facendo accovacciamenti con manubri...oppure affondi o altri esercizi che ti permettono di andare in basso ma con maggiore sicurezza per le nostre articolazioni...
    Matteo

  10. #10
    L'avatar di The Undertaker
    The Undertaker non  è collegato Lee Haney
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Al mio via scatenate l'inferno
    Messaggi
    3,935

    Predefinito

    mamma mia cosa avevo scritto

  11. #11
    L'avatar di IronPaolo
    IronPaolo non  è collegato Arnold Schwarzenegger
    Data Registrazione
    Nov 2004
    Località
    220-162.5-270 gara completa
    Messaggi
    3,049

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Matteo_Cresti Visualizza Messaggio
    mamma mia cosa avevo scritto
    La vita è strana, vero? ah ah ah

    Tu pensa che prima che nascesse mia figlia avrò detto "io mai farò questo" almeno 3000 volte. Se ne fosse avverata una....

  12. #12
    L'avatar di The Undertaker
    The Undertaker non  è collegato Lee Haney
    Data Registrazione
    Nov 2007
    Località
    Al mio via scatenate l'inferno
    Messaggi
    3,935

    Predefinito

    Altro che strana...

    Grazie Paolo per i tuoi 3d!!

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Due parole . . .
Siamo nati nel 1999 sul Freeweb. Abbiamo avuto alti e bassi, ma come recita il motto No Pain, No Gain, ci siamo sempre rialzati. Abbiamo collaborato con quella che al tempo era superEva del gruppo Dada Spa con le nostre Guide al Bodybuilding e al Fitness, abbiamo avuto collaborazioni internazionali, ad esempio con la reginetta dell’Olympia Monica Brant, siamo stati uno dei primi forum italiani dedicati al bodybuilding , abbiamo inaugurato la fiera èFitness con gli amici Luigi Colbax e Vania Villa e molto altro . . . parafrasando un celebre motto . . . di ghisa sotto i ponti ne è passata! ma siamo ancora qui e ci resteremo per molto tempo ancora. Grazie per aver scelto BBHomePage.com
Unisciti a noi !
BBHomePage
Visita BBHomePage.com

Home