Eicos il Software per la Dieta a Zona
Scarica oggi Eicos e crea il tuo piano alimentare secondo i principi della Dieta a Zona.
Eicos è la soluzione ideale per provare tutti i benefici della Dieta a Zona del Dott. Barry Sears
Schede d'allenamento
Composizone nutrizionale degli alimenti
Indice Glicemico degli alimenti
Galleria Fotografica Professionisti
Invia una Cartolina

Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Morte di un ciclista

  1. #1
    L'avatar di azimut
    azimut non  è collegato Mr Italia
    Data Registrazione
    Dec 2002
    Messaggi
    419

    Predefinito Morte di un ciclista



    Ieri tornando a casa verso le 18,00 accendo la tv su rai 2, appare un titolo abbastanza inquietante con un sottofondo musicale altrettanto inquietante; "moret di un ciclista". Ovviamente il sergvizio che stava per partire era un servizio sul doping, ma questa volta non era il solito servizio dove ti fanno vedere un paio dfi palestre e dei ragazzi con un po' di muscoli, ma era sul ciclismo, prendendo spunto dall'ennesima morte sospetta sulla quale aleggia l'ombra del doping, quella di Dennis Zanette ex ciclista professionista morto a 30 anni per complicazioni non del tutto chiare. Incuriosito ho segiuto il dossier fatto veramente bene, tirava fuori gran parte delle verità sul mondo dello sport professionistico che si conoscono ma che non si ha il coraggio di dire, sono stati intervistati un ex professionista di ciclismo e il maratoneta barbi i quali dichiarano che la pratica è ormai la regola, se non la segui non potrai mai avere un contratto e anche se riuscissi a strapparne uno verresti eliminato dal livello di competitività veramente alto al quale non è possibile stare dietro senza certi aiuti. Se poi ti ribelli o denunci il tutto alla stampa ti ritrovi tutti contro dallo sponsor ai compagni di squadra e ti trovi automaticamente eliminato dal giro delle gare, come successe ad uno sponsor che dichiarò apertamente che i suoi atleti (come tutti gli altri) facevano uso di sostanze proibite.......inutile dire che ora non sponsorizza più gare di ciclismo. Sono stati svelati (grazie a filamati offerti dalla polizia) alcuni medici compiacenti che si sono fatti delle mega ville a suon di preparazioni ed in un filamto era facile riconoscere un noto campione con moglie al seguito che acquistava i farmaci nello stufio del medico (il noto campione fra l'altro è ancora considerato uno pulito nonostante il filamto che lo ritrae). Ancora è stato intervistato un ex finanziere che si è rirtirato dalle indagini sul doping in quanto si è reso conto di quanto sia inutile una guerra del genere persa in partenza e poi l'intervista ad un medico del laboratorio anti doping che completava il quadro; difatti quando qualche campione viene trovato positivo ai test l'esclusione è tutt'altro che automatica, stouli di avvocati si presentano in questi laboratori ricercando il cavillo che scagioi il cliente .... e qui si va dallka solita scusa degli integratori contaminati a lle richieste più bizzarre per dimostrare che i risultati del laboratorio sono stati in qualche modo falsati (riferiva appunto il caso in cui venne chiesta la procedura scritta di pulizia dei pavimenti del laboratorio da parte degli avvocati per dimostare che il test non era valido).
    insomma in fin dei conti un documento realista per una volta che denuncia la realtà dei fatti......

    Questa mattina sul giornale leggo il seguente articolo:

    DOPING IN TV, SINDACATO CICLISTI QUERELA IL TG2

    il sindacato ciclisti professionisti (Accpi) querelerà il direttore del TG2, Mauro Mazza, perchè il servizio "morte di un ciclista" trasmesso ieri da TG 2 dossier, sulla morte di Dennis Zanette, sarebbe "un secondo attacco" alla categoria, dopo quello in cui furono trasmesse le intercettazioni ambientali dell'inchiesta sul doping

    insomma ancora una volta il tutto verrà impolverato e l'operato di un giornalista che sa fare il suo mestiere verrà sminuito (probabilmente).....a questo punto mi sembra lampante come una lotta al doping si a assolutamente inutile, è un sistema troppo consolidato e condiviso dagli atleti, per non parlare del pubblico che tutto giudica e che se non vede la super prestazione da extra terrestre non si appassiona allla cosa... non si può andare avanti a suon di "il doping fa male" "il doping inquina o sport" ormai lo sport è questo, non è pulito ne sano, come ogni mestiere (anzi più di alrti mestieri) ti spreme fino a che può e poi ti butta via, questa mentalità che non accetta il doping come realtà dello sport e tutti gli utopisti che sperano di poter costriure uno sport senza doping a parer mio sono proprio la benzina che alimenta questo falò nel quale spesso a bruciare è l'atleta dal più famoso al meno famoso, dal campione al "brocco", non si fa altro che negare l'evidenza dei fatti e chi se ne avvantaggia sono le solite aziende che pubblicizzano l'immagine sana di ciò che sano non è.....
    insomma credo che se le cose venissero ammesse o quantomeno non perseguitate alcune pratiche rischiosissime potrebbero essere messse da parte per lasciare spazio ad una ricerca che , volenti o noletnti, oggi risulta necessaria.

  2. #2
    PaoloB non  è collegato Principiante
    Data Registrazione
    Jan 2003
    Messaggi
    76

    Predefinito

    Ho seguito anch'io il dossier che ho trovato oltre che molto interessante anche piuttosto inquietante. I commenti direi che sono quasi superflui. Il doping è ormai un fenomeno talmente diffuso che alle volte ormai non ci si fa più caso. Purtroppo è un qualchecosa che ti può rovinare malamente la vita o peggio ancora come sembra sia il caso del povero Zanette portare a conseguenze estreme.
    Io stesso amo il ciclismo, sport che mi piace praticare saltuariamente anche se in modo molto tranquillo. Trovo però che il ciclismo come qualsiasi altro sport dovrebbe essere limitato nelle sue performance a quelle che sono le reali possibilità umane sviluppate da un sensato allenamento coadiuvato da una adeguata alimentazione e riposo.
    Assistere a manifestazioni sportive falsate dal doping (la maggior parte) mi lascia la strana sensazione di osservare qualcosa di ingiusto beffardo e derisorio degli ideali e degli stimoli che possono essere rappresentati da un atleta "natural".
    Alle volte purtroppo e sottolineo il purtroppo tali personaggi fungono da ispirazione per altri ancora, dei mister nessuno, che ricorrono al doping per cercare di inseguire l'irrealizzabile obiettivo di assomigliare al proprio idolo, con conseguenze per loro spesso catastrofiche.
    Lo sport qualunque esso sia dovrebbe essere un qualcosa per stare meglio con il proprio corpo , la propria mente e con gli altri.
    Ricorrendo al doping si rischia di perseguire obiettivi che sono l'esatto contrario di questi.
    Mi dispiace veramente per il povero Zanette.
    PaoloB

  3. #3
    4ca
    4ca non  è collegato Moderatore
    Data Registrazione
    Jan 2002
    Messaggi
    3,966

    Predefinito

    ma scusate non vorrei sbagliarmi ma non e morto per polmonite?
    una polmonite trascurata?
    ******************************
    ichiban
    *****************************"

  4. #4
    L'avatar di Jens Fiedler
    Jens Fiedler non  è collegato Principiante
    Data Registrazione
    Jan 2003
    Messaggi
    84

    Predefinito

    A quanto ne so era stato male ,mi sembra anche a me polmonite,inoltre anche suo padre è morto giovane alla stessa maniera.
    Che centri il doping per adesso non è ancora dimostrato
    Ciao

  5. #5
    ninja non  è collegato Mr Italia
    Data Registrazione
    Dec 2002
    Messaggi
    192

    Predefinito

    il servizio al tg2 l'ho visto ankio , e cmq stiumo sempre là , si vuole sempre dare colpa al doping , l'autopsia nn da cuase di decesso imputabili al doping , e cmq si cerca di dare le cause a quresto ...
    ormai mi sa tutto molto di una falsa ...
    inoltre x me hanno gonfiato unpo tutto alla fine è sempre cosi ...io nn mi schiero contro il doping , voglio solo dire che se quell atleta fosse morto x fumo , alcool , droga nn sarebbe stato fatto nessun servizio , inoltre vogliono demonizzare tanto il doping (riferito ad atleti nn agonisti) quando nn si accorgono delle tante cose ben pèeggiori che ci circondano , fumo , alcool , droga e chi + ne ha + ne metta ...
    insomma x me il doping e nn ho un fenomeno da demonizzare cosi tanto almeno nn dal punto di vista di salute , anche xkè i decessi x doping a quanto vedo nn sono poi tanti rispetto a chi si dopa ...
    ciao
    p.s magari nn sn stato chiaro ma h un sonno cane , mi spiegherò meglio la prox volta :-)

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Due parole . . .
Siamo nati nel 1999 sul Freeweb. Abbiamo avuto alti e bassi, ma come recita il motto No Pain, No Gain, ci siamo sempre rialzati. Abbiamo collaborato con quella che al tempo era superEva del gruppo Dada Spa con le nostre Guide al Bodybuilding e al Fitness, abbiamo avuto collaborazioni internazionali, ad esempio con la reginetta dell’Olympia Monica Brant, siamo stati uno dei primi forum italiani dedicati al bodybuilding , abbiamo inaugurato la fiera èFitness con gli amici Luigi Colbax e Vania Villa e molto altro . . . parafrasando un celebre motto . . . di ghisa sotto i ponti ne è passata! ma siamo ancora qui e ci resteremo per molto tempo ancora. Grazie per aver scelto BBHomePage.com
Unisciti a noi !
BBHomePage
Visita BBHomePage.com

Home