Eicos il Software per la Dieta a Zona
Scarica oggi Eicos e crea il tuo piano alimentare secondo i principi della Dieta a Zona.
Eicos è la soluzione ideale per provare tutti i benefici della Dieta a Zona del Dott. Barry Sears
Schede d'allenamento
Composizone nutrizionale degli alimenti
Indice Glicemico degli alimenti
Galleria Fotografica Professionisti
Invia una Cartolina

Pagina 2 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 16 a 30 di 51

Discussione: Che proteine usate?

  1. #16
    Cesare.G non  è collegato Principiante
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    99

    Predefinito



    Anche io sarei curioso di sapere....
    Ultima modifica di Cesare.G; 04-07-2007 alle 05:13 PM Motivo: eliminato emoticon coi cuoricini ehehe

  2. #17
    utente86 non  è collegato Mr Universo
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    501

    Predefinito

    presumo le abbia provate......Vi dirò- ora non ricordo benissimo però quando le vidi dalla composizione nn si sembrarono male ,ma una cosa è l' etichetta ed un' altra poi cosa c' è dentro.
    Saei curioso di sapere il vostro parere sui marchi italiani.
    Ultima modifica di utente86; 04-07-2007 alle 05:43 PM

  3. #18
    L'avatar di Sfondry
    Sfondry non  è collegato Mr Italia
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    455

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da utente86 Visualizza Messaggio
    presumo le abbia provate......Vi dirò- ora non ricordo benissimo però quando le vidi dalla composizione nn si sembrarono male ,ma una cosa è l' etichetta ed un' altra poi cosa c' è dentro.
    Saei curioso di sapere il vostro parere sui marchi italiani.
    Scusa ma che cavolo vuol dire!?!?
    Per legge nel barattolo ci trovi dentro quello scritto sull'etichetta dei valori nutrizionali!

  4. #19
    utente86 non  è collegato Mr Universo
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    501

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Sfondry Visualizza Messaggio
    Scusa ma che cavolo vuol dire!?!?
    Per legge nel barattolo ci trovi dentro quello scritto sull'etichetta dei valori nutrizionali!
    oddio non sempre questo è vero...probabilmente come nutrizionali si ma non come ingrediendi e ciò in questo forum viene ripetuto in diverse discussioni...non è una cosa che sto inventandomi io.

  5. #20
    L'avatar di Sfondry
    Sfondry non  è collegato Mr Italia
    Data Registrazione
    Mar 2007
    Messaggi
    455

    Predefinito

    Se parli della discussione sull'aspartme, bhe negli ingredienti lo trovi ben specificato
    Altrimenti non so di cosa parli.

  6. #21
    utente86 non  è collegato Mr Universo
    Data Registrazione
    Jul 2007
    Messaggi
    501

    Predefinito

    Attenzione non sto dicendo che la maggior parte dei prodotti non siano seri e contengano ciò che dichiarano,ma esistono o è probabile che esistano prodotti non conforme.Di certo tutti i prodotti non sono uguali altrimenti ne esisterebbe una sola marca.

  7. #22
    L'avatar di rich_el
    rich_el non  è collegato Mr Italia
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    276

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da utente86 Visualizza Messaggio
    Attenzione non sto dicendo che la maggior parte dei prodotti non siano seri e contengano ciò che dichiarano,ma esistono o è probabile che esistano prodotti non conforme.Di certo tutti i prodotti non sono uguali altrimenti ne esisterebbe una sola marca.
    C'è stato un gran polverone in questo settore proprio perché a fronte di indagini su campione, sono stati trovati ingredienti non conformi (illegali) e non dichiarati in alcuni prodotti, questi erano soprattutto americani.
    In Italia siamo "abbastanza" puliti...
    Non per niente ora molte aziende stanno iniziando a fare certificare i propri prodotti per garantire qualità e chiarezza sul contenuto degli stessi.
    Fate caso ai nuovi barattoli di marche molto conosciute...

  8. #23
    L'avatar di Ettoreff
    Ettoreff non  è collegato Mr Italia
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    365

    Predefinito

    Ma scusa Anassimandro te cosa intendi per bassa qualità ?

    da cosa si vede se delle proteine son migliori/peggiori rispetto ad altre?

    scusa se riposto la domanda ma almeno per le prossime volte non sbaglio
    grazie

  9. #24
    Cesare.G non  è collegato Principiante
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    99

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Anassimandro Visualizza Messaggio
    C'è stato un gran polverone in questo settore proprio perché a fronte di indagini su campione, sono stati trovati ingredienti non conformi (illegali) e non dichiarati in alcuni prodotti, questi erano soprattutto americani.
    Sarei lieto di visionare dei documenti che confermino questa tesi

    Citazione Originariamente Scritto da Anassimandro Visualizza Messaggio
    In Italia siamo "abbastanza" puliti...
    Anche questa affermazione sarà supportata da validi documenti che hai consultato e puoi mettere a disposizione di tutti

    Citazione Originariamente Scritto da Anassimandro Visualizza Messaggio
    Non per niente ora molte aziende stanno iniziando a fare certificare i propri prodotti per garantire qualità e chiarezza sul contenuto degli stessi.
    Fate caso ai nuovi barattoli di marche molto conosciute...
    Mi porti un esempio pratico?
    Nel nostro studio ci appoggiamo a 2 note marche italiane per l'integrazione, ma sulle confezioni nessuna delle 2 riporta analisi di laboratorio o certificazioni sugli ingredienti.
    Le uniche nuove diciture apportate sono per quanto riguarda l'ISO 9001/2000 e il NO OGM.



    Ciao,
    CG

  10. #25
    L'avatar di rich_el
    rich_el non  è collegato Mr Italia
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    276

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Cesare.G Visualizza Messaggio
    Sarei lieto di visionare dei documenti che confermino questa tesi


    Anche questa affermazione sarà supportata da validi documenti che hai consultato e puoi mettere a disposizione di tutti


    Mi porti un esempio pratico?
    Nel nostro studio ci appoggiamo a 2 note marche italiane per l'integrazione, ma sulle confezioni nessuna delle 2 riporta analisi di laboratorio o certificazioni sugli ingredienti.
    Le uniche nuove diciture apportate sono per quanto riguarda l'ISO 9001/2000 e il NO OGM.



    Ciao,
    CG
    Il 20 per cento degli integratori vitaminici in vendita in Europa, Italia compresa, in supermercati, negozi sportivi e palestre può contenere steroidi illeciti. Che provocano effetti collaterali seri. Lo denunciano ricercatori tedeschi.
    Una compressa effervescente, sciolta in un bicchiere d'acqua, al gradevole sapore di arancia.
    È un multivitaminico da pochi euro, acquistato al supermercato, pensando (o illudendosi) che con i primi freddi possa scongiurare raffreddori e influenze.
    Solo che nel bicchiere che stiamo per sorseggiare, oltre alle vitamine, potrebbero trovarsi due sostanze non indicate in etichetta e non proprio benefiche: lo stanozolo e il metandienone. In altre parole, steroidi anabolizzanti. Un'eventualità remota? Tutt'altro.
    Gli integratori alimentari, quelli che si possono comprare ogni giorno in supermercati, negozi di articoli sportivi, palestre (oltre che su internet), possono contenere sostanze nocive e illegali.
    L'allarme lo lanciano i ricercatori dell'Istituto di biochimica dell'Università dello Sport di Colonia, che hanno testato una serie di prodotti in vendita in Europa occidentale, Italia compresa, come integratori alimentari (di proteine, carboidrati, calcio, ferro, zinco) o dietetici, supplementi di vitamine e sali minerali.
    Il risultato del loro studio, conclusosi da poco: nel 20 per cento dei casi questi prodotti, destinati al consumo di massa, contengono sostanze non riportate nell'etichetta.
    In Italia la percentuale dei prodotti acquistati a campione e trovati positivi è intorno al 14 per cento.
    Fra le sostanze proibite più frequenti: testosterone, nandrolone, androstenadione. Steroidi anabolizzanti, pericolosi perché inibiscono la sintesi naturale del testosterone e creano problemi seri, dalla diminuzione della fertilità a patologie cardiovascolari. E, secondo gli esperti tedeschi, presenti negli integratori esaminati in quantità sufficiente (bastano pochi microgrammi) da non far superare al consumatore un eventuale controllo antidoping.
    Scoperta tanto più preoccupante se si considera che sono 6 milioni gli italiani che consumano con regolarità integratori alimentari e per lo sport, con una tendenza di crescita costante.
    I più venduti sono multivitaminici, integratori di proteine, minerali e sali minerali, supplementi specifici per chi fa sport: amminoacidi, maltodestrine, glutammina, creatina. Su ogni confezione di questi prodotti, per legge, è riportato il numero della notifica al ministero della Sanità oppure quello dell'autorizzazione che lo stesso ministero concede a chi intende seguire specifiche di produzione e di garanzia più severe.
    «La nostra ricerca» spiega Maria Kristina Parr, responsabile dell'Istituto di biochimica a Colonia, «è cominciata qualche anno fa quasi per caso, quando alcuni atleti di livello internazionale si rivolsero al Laboratorio del Cio di Colonia (uno dei più accreditati al mondo, ndr) per denunciare anomalie nei loro casi di positività al doping».
    Uno di questi era un mezzofondista italiano di alto livello, Andrea Longo, che nel 2001 venne trovato positivo a un metabolita del nandrolone dopo un meeting di atletica leggera.
    Convinto della sua innocenza, Longo girò per farmacie e negozi di mezza Italia allo scopo di acquistare varie confezioni dell'integratore di amminoacidi che assumeva regolarmente, le consegnò sigillate al laboratorio, chiedendo (e pagando di tasca sua) una perizia di parte. I risultati furono clamorosi: i test biochimici rivelarono la presenza del nandrolone e un inedito test in vivo rivelò che cavie che assumevano le medesime quantità assunte dall'atleta italiano risultavano positive ai controlli, con le stesse modalità.
    Ma com'è possibile che questi prodotti siano contaminati? «Essenzialmente per due motivi» risponde Parr.
    «Il primo è la cosiddetta contaminazione incrociata accidentale, il secondo la frode. La contaminazione accidentale è frequente nei prodotti provenienti dagli Stati Uniti (dove è consentita la libera vendita dei pro ormoni, sostanze che stimolerebbero la produzione di ormoni naturali) e dall'Estremo Oriente (dove molte aziende maneggiano steroidi anabolizzanti con disinvoltura). In questi luoghi si confeziona ogni tipo di integratore e le contaminazioni nelle vasche di miscelazione sono frequenti.
    L'aggiunta fraudolenta viene fatta, invece, da chi vuole potenziare gli effetti degli integratori proteici, per aumentarne l'efficacia e indurre al tempo stesso dipendenza nel consumatore».
    Un consumatore indifeso, visto che non lo aiutano né l'etichetta né specifiche forme di tutela da parte delle autorità sanitarie. «Gli integratori sono alimenti e non farmaci» ricorda Paolo Aureli, direttore del Centro nazionale per la qualità degli alimenti dell'Istituto superiore di sanità.
    «E come tali devono rispondere al decreto legislativo 155 del 1997, che prevede direttive molto rigide per chi produce o importa alimenti e gli impone una sorta di certificazione da parte di un laboratorio sanitario.
    Il problema sono le verifiche, che competono ai medici del Servizio di igiene e andrebbero svolte regolarmente e su base regionale. Se si va alla fonte più che sul mercato, i truffatori si trovano».
    L'idea, però, è che ci sia bisogno di strumenti più efficaci. La maggior parte dei prodotti in vendita in Italia viene dall'estero, molti importatori (specie per i prodotti più a rischio) cambiano spesso sede e ragione sociale e le vendite via internet, pochissimo controllabili, sono in netto aumento. >«In Germania, Svizzera, Paesi Bassi e Australia» precisa Parr «i comitati olimpici, in accordo con governi e alcune aziende produttrici, testano regolarmente un buon numero di integratori e aggiornano una lista di prodotti a basso rischio: è stata messa a punto per gli atleti, ma può essere consultata da chiunque su internet. L'obiettivo è spiegare che, se proprio l'integratore serve, è meglio che venga scelto tra quelli testati».
    In assenza di liste di prodotti sicuri in Italia, una scelta oculata del luogo d'acquisto può tutelare il consumatore?
    «Non direi» risponde Alessandro Nobili, farmacologo dell'Istituto Mario Negri di Milano, «perché alcuni degli integratori venduti nei supermercati lo sono anche in farmacia; il prodotto è lo stesso e la garanzia è solo quella fornita dal produttore.
    Di contro, il fatto che un integratore sia prodotto da una grande casa farmaceutica dovrebbe fornire margini di sicurezza maggiori, perché è più difficile che un'azienda metta a rischio in questo modo la propria reputazione».
    Resta però un problema educativo. «L'abuso di integratori non è dissimile da quello di farmaci» sostiene Nobili «e la gente continua a non capire che le reali carenze di vitamine, ferro o minerali, per esempio, sono rare, e vanno diagnosticate da un medico.
    A tutti gli altri consumatori, compresi gli sportivi amatoriali, un'alimentazione sana e varia è più che sufficiente, a dispetto di quanto vuole far credere un certo tipo di pubblicità».

    di Marco Bonarrigo
    www.panorama.it

  11. #26
    L'avatar di rich_el
    rich_el non  è collegato Mr Italia
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    276

    Predefinito

    "Nel nostro studio ci appoggiamo a 2 note marche italiane per l'integrazione, ma sulle confezioni nessuna delle 2 riporta analisi di laboratorio o certificazioni sugli ingredienti.
    Le uniche nuove diciture apportate sono per quanto riguarda l'ISO 9001/2000 e il NO OGM."

    Se hai la possibilità di visitare un punto vendita molto fornito, noterai subito come alcune case abbiano riportato varie scritte sulle proprie confezioni, riguardanti la certificazione degli ingredienti usati e soprattutto quelli non usati nei loro prodotti...

  12. #27
    Cesare.G non  è collegato Principiante
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    99

    Predefinito

    Grazie Anassimandro.

    Devo tuttavia specificare che nell'ambiente medico conosciamo quella "ricerca", risalente al 2002, ma che puntualmente ogni anno qualcuno rispolvera per una fantomatica guerra contro gli integratori.

    Purtroppo tutte le mie ricerche e le mie richieste, come medico, di poter visionare il rapporto scientifico dell'intera analisi, sono state vane. L'anno scorso ho desistito in quanto nessuna organizzazione è riuscita a fornirmi la documentazione.

    Curioso e fonte di mio personale scetticismo, il fatto che dal 2002, questa ricerca venga di volta in volta rimaneggiata aggiungendo nomi di riferimento di presunti dottori/dottoresse e vengano modificate le percentuali nei risultati.


    Evitiamo di creare inutili allarmismi, grazie.

    Ciao
    CG

  13. #28
    Cesare.G non  è collegato Principiante
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    99

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Anassimandro Visualizza Messaggio
    Se hai la possibilità di visitare un punto vendita molto fornito, noterai subito come alcune case abbiano riportato varie scritte sulle proprie confezioni, riguardanti la certificazione degli ingredienti usati e soprattutto quelli non usati nei loro prodotti...
    Sinceramente nei prodotti che prescriviamo, leggendo le scatole non trovo molto più di quanto prevede la legge.
    Io conosco le analisi dei contenuti grazie ai risultati medici della CNSA e della EFSA. Ma questo è per gli "addetti ai lavori".

  14. #29
    L'avatar di rich_el
    rich_el non  è collegato Mr Italia
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    276

    Predefinito

    Io non sono un medico e dunque non posso che riconoscere il fatto per il quale sarei sicuramente più aggiornato di me su alcune cose e soprattutto avrai accesso a documenti i quali non mi è permesso di visionare.
    Solamente ho avuto a che fare una volta con un personaggio che lavora nel settore (produzione integratori), è un chimico, non si è sbottonato molto ma a lasciato intendere alcune cose spiacevoli...
    Ovviamente sono il primo a dire, non facciamo di un erba un fascio, ma allo stesso modo non prendiamo tutto per oro colato, non pensi?

  15. #30
    Cesare.G non  è collegato Principiante
    Data Registrazione
    May 2007
    Messaggi
    99

    Predefinito

    Caro Anassimandro,
    proprio perchè non dobbiamo prendere tutto per oro colato, ti chiedo la cortesia di verificare meglio gli articoli che posti. E' sufficiente una sommaria ricerca sul web per reperire da fonti diverse lo stesso articolo rimaneggiato. Ripeto, esiste dal 2002 ed ogni anno qualche "giornalista" lo ripropone modificandone i dati e aggiungendo nomi.

    In ultimo, una precisazione piuttosto rassicurante: se, dico SE, venissero rilevati lotti di integratori "contaminati", in seguito alle periodiche analisi effettuate, questi -intere partite- verrebbero immediatamente sequestrati e ritirati dal mercato. Questo polverone avrebbe sicuramente un eco sul consumatore, dato che sarebbe impossibile nascondere ritiri e sequestri in quantità così elevata. Parlo, ovviamente, solo del nostro paese perchè ne conosco la legislazione.

    Ciao
    CG

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Due parole . . .
Siamo nati nel 1999 sul Freeweb. Abbiamo avuto alti e bassi, ma come recita il motto No Pain, No Gain, ci siamo sempre rialzati. Abbiamo collaborato con quella che al tempo era superEva del gruppo Dada Spa con le nostre Guide al Bodybuilding e al Fitness, abbiamo avuto collaborazioni internazionali, ad esempio con la reginetta dell’Olympia Monica Brant, siamo stati uno dei primi forum italiani dedicati al bodybuilding , abbiamo inaugurato la fiera èFitness con gli amici Luigi Colbax e Vania Villa e molto altro . . . parafrasando un celebre motto . . . di ghisa sotto i ponti ne è passata! ma siamo ancora qui e ci resteremo per molto tempo ancora. Grazie per aver scelto BBHomePage.com
Unisciti a noi !
BBHomePage
Visita BBHomePage.com

Home