Sign Up Now FAQ
Signup Now
Per poter scrivere un nuovo messaggio o rispondere a quelli esistenti
ed entrare a far parte della community, è necessario registrarsi.
Eicos il Software per la Dieta a Zona
Scarica oggi Eicos e crea il tuo piano alimentare secondo i principi della Dieta a Zona.
Eicos è la soluzione ideale per provare tutti i benefici della Dieta a Zona del Dott. Barry Sears
Schede d'allenamento
Composizone nutrizionale degli alimenti
Indice Glicemico degli alimenti
Galleria Fotografica Professionisti
Invia una Cartolina

Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: fibre muscolari

  1. #1
    L'avatar di RSVSilver
    RSVSilver non  è collegato Mr Italia
    Data Registrazione
    May 2003
    Località
    1m80per 84 kg;torace:118,braccio:44,girovita:75,gamba:62
    Messaggi
    472

    Predefinito fibre muscolari



    Gironzolando per la rete ho trovato questo, dovrebbe essere un metodo per valutare (approssimativamente) la % di fibre bianche e rosse di un muscolo..e sulla base di essa formulare gli allenamenti
    1) Eseguire 10 ripetizioni con un peso pari al 30% del proprio peso.
    2) Due minuti di pausa
    3) Eseguire 5 ripetizioni con un peso pari al 50% del proprio peso.
    4) Due minuti di pausa
    5) Eseguire una ripetizione con il 70% del proprio peso.
    6) Due minuti di pausa
    7) Continuare fino a quando si trova un peso con il quale si riesce a fare una sola ripetizione.
    8) Cinque minuti di pausa
    9) Eseguire il maggior numero di ripetizioni con il 75% del peso stabilito al punto 7.
    10) Se si completano dalle 8 alle 13 ripetizioni, la proporzione è del 50 %; al di sotto delle 8 ripetizioni, il muscolo in questione è costituito in prevalenza di fibre a contrazione veloce; al di sopra delle 13 ripetizioni, il muscolo è composto prevalentemente da fibre a contrazione lenta.

    Son sempre stato curioso riguardo questo argomento..io ho notato di avere un fisico strano..eseguo 25 reps con un certo carico, ci giocherello, poi aggiungo pochi kg e crepo..eseguo pochissime ripetizioni!!!.Credo che dipenda da come mi sono allenato in tutti questi anni, ma anche dalla mia costituzione muscolare..ora vedo come sbloccare questa situazione,l'aver tralasciato allenamenti con poche reps ha inibito la crescita delle fibre bianche, che son quelle con maggior indice di ipertrofia!E la cosa mi da fastidio..
    PS: se ho detto qualche cazzata qualcuno mi corregga..non son molto ferrato al riguardo!
    Accetto consigli su tecniche di allenamento..sono ad un punto in cui voglio completamente rinnovare il mio modo di vedere il bodybuilding.

  2. #2
    Nightmare non  è collegato Principiante
    Data Registrazione
    Nov 2003
    Messaggi
    4

    Infelice

    Ciao RSVSilver...

    ho trovato questo post molto interssante e mi sono incuriosito........
    ...appena vado in palestra provo sibito a fare cio che hai scritto.......

    ....solo una cosa......

    ...Che differenza c'è fra FIBRE BIANCHE e FIBRE ROSSE????......

    ....perdona la mia infinita ignoranza......


    BYEZ

  3. #3
    L'avatar di the rock75
    the rock75 non  è collegato Mr Olympia
    Data Registrazione
    Aug 2003
    Messaggi
    1,594

    Predefinito

    inibire la crescita di fibre bianche no ( cioè ogni muscolo ha una certa divisione tra fibre bianche e rosse ma in partenza non modificabili con l'allenamento )
    il test si può fare ma i ris si possono trovare su qlsiasi libro di anatomia essendo la div tra bianche e rosse prat standard x tutti ( es. il poolpaccio è il muscolo + rosso tra tutti ora non mi ricordo in che rapporto con le fibre bianche).
    certo che la palestra è selettiva nei ris che ottieni sia in termini di forza sviluppata in quel tipo di movimento sia sulla durata (n. rep) imposta quindi se tu ti sei allenato sempre su alte rep è ovvio che avrai un calo esponenziale nella prest. sulle basse rep succede anche il contrario ovviamente ; è certo cmq che le basse rep stimolano le bianche + che le alte.

  4. #4
    L'avatar di Sajan
    Sajan non  è collegato Master Olympia
    Data Registrazione
    Feb 2003
    Messaggi
    2,178

    Sorpreso

    Per Nigh

    Il muscolo è costituito soprattutto da cellule molto allungate, con la forma di una matita temperata alle due estremità, lunghe da un millimetro ad alcuni centimetri; sono le fibre muscolari. Esse sono dotate di una particolare caratteristica: quella di sapersi accorciare e allungare; è la somma dei cambiamenti di lunghezza delle varie fibre che determina la contrazione (accorciamento) o la distensione (allungamento) di un muscolo.
    Le fibre di un dato muscolo, comunque, non sono tutte uguali le une alle altre: esse differiscono per dimensione, per colore, ma soprattutto per le funzioni.
    Le fibre dette "bianche"sono in grado di accorciarsi a una velocità più elevata e sanno altresì estrinsecare maggiore forza;
    altre definite "rosse" sono invece dotate di minore velocità e minore forza, ma hanno una più alta resistenza.
    L'allenamento appropriato riesce a trasformare in parte le caratteristiche delle fibre muscolari; è più facile però che una fibra "pallida" acquisti una maggiore resistenza e diventi più simile a una fibra "rossa", piuttosto che si verifichi la trasformazione in senso inverso.


    Fibre "rosse"
    Le fibre "rosse" sono chiamate anche "di tipo I", o "lente", o "STF".
    Esse sono ricche di mioglobina, una sostanza che è appunto di colore rosso e che, all'interno della fibra, trasporta l'ossigeno fino ai corpuscoli nei quali viene utilizzato, i mitocondri. L'ossigeno è fondamentale per queste fibre dal momento che esse traggono l'energia quasi esclusivamente dal "meccanismo aerobico", quello nel quale l'ossigeno si combina con gli zuccheri o con i grassi.
    Ciascuna fibra rossa è circondata da un numero maggiore di capillari, proprio per favorire l'apporto di ossigeno.
    Esse hanno mediamente meno forza e meno velocità di contrazione (ossia di accorciamento), ma sono dotate di grande resistenza alla fatica.
    Gli atleti che eccellono nelle discipline di fondo (i maratoneti, i marciatori, i ciclisti della strada, gli sciatori di fondo...) hanno di solito muscoli nei quali prevalgono le fibre lente.


    Fibre bianche
    Le fibre bianche sono dette anche "di tipo II", o "veloci", o "bianche", o "FTF".
    Esse sanno accorciarsi rapidamente e sanno estrinsecare valori elevati di tensione alle estremità; contengono poca emoglobina e pochi mitocondri.
    Negli scattisti dell'atletica leggera, nei saltatori e in tutti quegli atleti che praticano discipline nelle quali è importante la velocità (e non è importante la resistenza), i muscoli hanno una percentuale di fibre bianche superiore a quella delle fibre rosse.

    Fra le fibre bianche, comunque, si possono distinguere alcuni sottotipi, i principali dei quali sono questi due:
    • il sottotipo "glicolitico" che è più specializzato nel ricorso a quel meccanismo ("anaerobico lattacido") nel quale si forma acido lattico;
    • il sottotipo "ossidativo" che, in un certo senso, somiglia un po' alle fibre rosse, ossia ha una discreta capacità di utilizzare l'ossigeno

    Principali differenze

    FIBRE ROSSE

    Sinonimi: fibre di tipo I, fibre lente, STF, fibre resistenti
    Dimensioni: più sottili
    Capillari molti
    Velocità di contrazione bassa
    Resistenza alla fatica buona o ottima
    Mioglobina abbondante

    FIBRE BIANCHE

    Sinonimi: fibre di tipo II, fibre veloci, FTF, fibre bianche
    Dimensioni: diametro maggiore
    Capillari pochi
    Velocità di contrazione elevata
    Resistenza alla fatica discreta o scarsa
    Mioglobina scarsa

    Le fibre maggiormente ipertrofizzabili sono quelle bianche per cui con questo tipo di fibre, o meglio con una % più alta rispetto a quelle rosse e quelle intermedie, si ha una maggiore predisposzione alla crescita muscolare, e sono portate per lavori con ripetizoni medio-basse. Viceversa con le altre si avrà una maggiore resistenza e saranno meno ipertrofizzabili o cmq più difficilmente ed in linea generale si tende a lavorare con ripetizoni più alte.
    Due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma riguardo l’universo ho ancora dei dubbi.
    - Albert Einstein -

  5. #5
    L'avatar di the rock75
    the rock75 non  è collegato Mr Olympia
    Data Registrazione
    Aug 2003
    Messaggi
    1,594

    Predefinito

    ti piace scrivere eh?§83

  6. #6
    L'avatar di RSVSilver
    RSVSilver non  è collegato Mr Italia
    Data Registrazione
    May 2003
    Località
    1m80per 84 kg;torace:118,braccio:44,girovita:75,gamba:62
    Messaggi
    472

    Predefinito

    Originally posted by the rock75
    inibire la crescita di fibre bianche no ( cioè ogni muscolo ha una certa divisione tra fibre bianche e rosse ma in partenza non modificabili con l'allenamento )
    il test si può fare ma i ris si possono trovare su qlsiasi libro di anatomia essendo la div tra bianche e rosse prat standard x tutti ( es. il poolpaccio è il muscolo + rosso tra tutti ora non mi ricordo in che rapporto con le fibre bianche).
    certo che la palestra è selettiva nei ris che ottieni sia in termini di forza sviluppata in quel tipo di movimento sia sulla durata (n. rep) imposta quindi se tu ti sei allenato sempre su alte rep è ovvio che avrai un calo esponenziale nella prest. sulle basse rep succede anche il contrario ovviamente ; è certo cmq che le basse rep stimolano le bianche + che le alte.
    Che alcuni muscoli abbiano una costituzione in fibre rosse piu' alta di altri lo so..i polpacci come dici tu ad esempio..tuttavia ogni persona è diversa dall'altra..penso che conoscere come è fatto il proprio organismo sia utile. Tante volte si utilizzano schede , diete di persone che hanno avuto risultati notevoli e non si guadagna nulla..questo perchè ognuno di noi è diverso, molto..
    Comunque son felice del fatto che l'aver eserguito per anni schede con alte reps non abbia inibito una eventuale risposta dei miei muscoli alle basse reps..

  7. #7
    L'avatar di the rock75
    the rock75 non  è collegato Mr Olympia
    Data Registrazione
    Aug 2003
    Messaggi
    1,594

    Predefinito


    si è vero che le diff ci possano essere tra sogge sogg ma non penso siano tanto grandi da non produrre ris su uno e produrli sull'altro; nei libri di anatomia ci sono le percentuali di fibre lente e veloci x singolo musc. ovv sono valori medi ma non penso che lo scostamento sia mertevole di nota semmai tra diverse razze quello si non per caso i neri sono eccezionali e mediamente sup ai bianchi ( un po in tutti gli sport ma nel bb soprattutto) e gli asiatici sono inferiori ( cosa che vale anche per le misure del pene )
    cmq allenando i muscoli in un range dalle 6 alle 12 rep vai sul sicuro x stimolare sia le une che le altre a scopo ipertrofia ma questo lo saprai megli di me col fisicaccio che ti ritrovi

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Consigliati per Voi
Seguici su Facebook Seguici su Google+ Seguici su Twitter