Sign Up Now FAQ
Signup Now
Per poter scrivere un nuovo messaggio o rispondere a quelli esistenti
ed entrare a far parte della community, è necessario registrarsi.
Eicos il Software per la Dieta a Zona
Scarica oggi Eicos e crea il tuo piano alimentare secondo i principi della Dieta a Zona.
Eicos è la soluzione ideale per provare tutti i benefici della Dieta a Zona del Dott. Barry Sears
Schede d'allenamento
Composizone nutrizionale degli alimenti
Indice Glicemico degli alimenti
Galleria Fotografica Professionisti
Invia una Cartolina

Risultati da 1 a 13 di 13

Discussione: Sensazione

  1. #1
    LELE1978 non  è collegato Principiante
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Messaggi
    10

    Molto dubbioso Sensazione



    Ho notato durante gli allenamenti x esempio ai pettorali che dopo le prime serie in cui riesco a dare il massimo i pettorali sono supergonfi e duri, mentre sfinendoli con le ultime serie si frollano e perdono consistenza.
    Quando e ' il punto in cui il muscolo cresce?
    Bisogna sfinirli o pomparli?
    Il muscolo bisogna romperlo o gonfiarlo?
    Sono consapevole che il muscolo cresce dopo l'allenamento, addirittura i giorni a seguire, ma una maggiore irrorazione di sangue aiuta a dilatare il muscolo e costruire nuova massa nel mezzo.
    Premetto che l'allenamento e' alta intesita' e cerco di non superare i 40 minuti.
    Il pompaggio ottimale lo ottengo dopo la 3° 4° serie,mentre le ultime lo frollano.
    Qualcuno ha qualche idea?
    Ci sono teorie?

  2. #2
    L'avatar di enrico1968
    enrico1968 non  è collegato Mr Italia
    Data Registrazione
    Dec 2002
    Messaggi
    405

    Predefinito

    Una volta Grimek provo' a capire quante serie sono necessarie per pompare le sue braccia .... ne fece 100 alla fine trasse la conclusione che dopo 7 serie i suoi muscoli erano al massimo pompaggio ne dedusse che il lavoro fatto in piu' fosse inutile!
    Quando alleni i muscoli a meno che tu non sia un principiante assoluto dovresti tener conto degli angoli di contrazione e del volume cioe' dovresti fare qualche esercizio in piu' ma con qualche serie in meno ......
    Puoi programmare se devi fare una performance sportiva non se stai cercando di ipertrofizzare un bicipite.
    Enrico Z.

  3. #3
    L'avatar di Tenebro
    Tenebro non  è collegato Mr Olympia
    Data Registrazione
    Mar 2003
    Messaggi
    1,885

    Predefinito

    si e' vero pero' frollare i muscoli sifnirli,puo' avere un utilita'?

    sto cominciando a rivedere le mie idee su parecchie cose francamente...
    una cosa e' certa,quando facciamo una serie in piu' bruciamo muscolo che dovra' essere ricostruito in piu' per raggiungere l'aumento per l'allenamento successivo
    ,tuttavia quando e' veramente le serie in piu'?,e quando veramente puo' valere la pena limitarsi per risparmiare il muscolo.....?

    ormai il concetto delle risorse biochimiche da risparmiare perche' di quelle siamo fatti mi pare lo abbiano afferato in molti grazie a Mike ilcervellone cattivissimo e muscoloso,grazie a lui abbiamo anche capito che finche' conitnuamo a fare buchi nel muscolo non avviene nessuna magia che di colpo ci fa crescere..

    adesso c'e' il passo due da fare,capire come gestire i fattori di stimolo/risparmio da una parte e demolizone criminale del muscolo

    ..Certo che non potrai aspettarti di vederti crescere mentre fai la seconda,tuttavia ho notato che la seconda puo' essere neccessaria per forgiare i muscoli.

    In un remoto post di questo forum si era accennato a Nubret e della sua teoira sulle ghiandole.....boh....ci apro un 3d?
    Ultima modifica di Tenebro; 04-06-2003 alle 11:00 AM
    sono solo un invasato che scrive per chiacchierare e sentito dire,di quello che legge sulle riviste
    sportive non sono qualificato in niente


    http://www.bbhomepage.com/forum/prog...l?t-1775.html=

    quindi la traiettoria del bilancere puo' essere diversa dal solito giusto?cioe' e' il risultato della contrazione del mio pettorale,non di un movimento che volgio trasferire al bilancere giusto?
    .

    finestra anabolica topic ultratecnico con tutte le verita'
    http://www.bbhomepage.com/forum/rest....html#post8933

  4. #4
    L'avatar di Sly83
    Sly83 non  è collegato Mr Universo
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    mi manca giusto qualche centimetro qua e là e poi sono uguale all'Arnold dei bei tempi
    Messaggi
    968

    Predefinito

    Originally posted by enrico1968
    Una volta Grimek provo' a capire quante serie sono necessarie per pompare le sue braccia .... ne fece 100 alla fine trasse la conclusione che dopo 7 serie i suoi muscoli erano al massimo pompaggio ne dedusse che il lavoro fatto in piu' fosse inutile!
    Quando alleni i muscoli a meno che tu non sia un principiante assoluto dovresti tener conto degli angoli di contrazione e del volume cioe' dovresti fare qualche esercizio in piu' ma con qualche serie in meno ......
    sono perfettamente d'accordo: personalmente preferisco fare una sola serie a cedimento di due esercizi per gruppo muscolare e mi pare che per adesso stia funzionando...quando invece mi è capitato di frollare i muscoli il giorno dopo niente doms...penso che se si fanno più set di un solo esercizio non sia bene portarli a cedimento, perchè altrimenti ci si potrà sforzare in tutti i modi di concentrarsi ma la risposta alla contrazione sarà sempre meno efficIente...almeno così è per me.......
    Cèo!

  5. #5
    L'avatar di Sly83
    Sly83 non  è collegato Mr Universo
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    mi manca giusto qualche centimetro qua e là e poi sono uguale all'Arnold dei bei tempi
    Messaggi
    968

    Predefinito

    e poi dobbiamo sempre considerare che abbiamo diversi tipi di fibre muscolari, che andranno allenate con range di ripetizioni e anche velocità di esecuzione differenti...

  6. #6
    L'avatar di Tenebro
    Tenebro non  è collegato Mr Olympia
    Data Registrazione
    Mar 2003
    Messaggi
    1,885

    Predefinito

    pero' esiste una cosa che e'ì la conversione delle fibre muscoalri...quelle inutilizzate si convertono in quelle piu' utilizzate quindi pensavo....
    sono solo un invasato che scrive per chiacchierare e sentito dire,di quello che legge sulle riviste
    sportive non sono qualificato in niente


    http://www.bbhomepage.com/forum/prog...l?t-1775.html=

    quindi la traiettoria del bilancere puo' essere diversa dal solito giusto?cioe' e' il risultato della contrazione del mio pettorale,non di un movimento che volgio trasferire al bilancere giusto?
    .

    finestra anabolica topic ultratecnico con tutte le verita'
    http://www.bbhomepage.com/forum/rest....html#post8933

  7. #7
    L'avatar di Sly83
    Sly83 non  è collegato Mr Universo
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Località
    mi manca giusto qualche centimetro qua e là e poi sono uguale all'Arnold dei bei tempi
    Messaggi
    968

    Predefinito

    Originally posted by Tenebro
    pero' esiste una cosa che e'ì la conversione delle fibre muscoalri...quelle inutilizzate si convertono in quelle piu' utilizzate quindi pensavo....
    la confersione delle fibre muscolari (cambiamento di fenotipo) è un processo molto lungo, comunque pare che sia più facile che le bianche si trasformino prima in intermedie e poi in rosse, piuttosto che le rosse prima in intermedie e poi in bianche...
    ma non c'è ancora nulla di certo.
    Però vedo tanti maratoreti palesemente ricchi di fibre rosse e pochi natural bber con tante fibre bianche....almeno io mi alleno da forse troppo poco per poter notare la conversione....

  8. #8
    L'avatar di JohnBlue
    JohnBlue non  è collegato Mr Italia
    Data Registrazione
    Feb 2003
    Messaggi
    214

    Predefinito

    Sly sono daccordo con te...
    eseguire tante serie dello stesso esercizio lo trovo utile solo x ottenere l'ipertrofia tramite accumulo di glicogeno ,quindi senza arrivare mai a cedimento e senza affaticare troppo il sistema nervoso...

    io cmq sono a favore dell'allenamento delle fibre intermedie e bianche, le rosse mi pare non crescano.

    fare una serie ,arrivando a coinvolgere alla fine di essa le fibre bianche prolungando poi il loro utilizzo con forzate e/o negative e l'ipertrofia di un gruppo muscolare è stimolata al massimo con 5 minuti di allenamento.
    [_John^Blue_]

  9. #9
    L'avatar di weboy
    weboy non  è collegato Mr Olympia
    Data Registrazione
    Dec 2002
    Località
    1.84cm 80kg
    Messaggi
    1,185

    Predefinito

    Ho notato durante gli allenamenti x esempio ai pettorali che dopo le prime serie in cui riesco a dare il massimo i pettorali sono supergonfi e duri, mentre sfinendoli con le ultime serie si frollano e perdono consistenza.
    Quando e ' il punto in cui il muscolo cresce?
    Bisogna sfinirli o pomparli?
    Il muscolo bisogna romperlo o gonfiarlo?


    Se incuriositi cerchiamo il termine "flushing" sul dizionario di lingua inglese, possiamo leggere queste definizioni: " un improvvisa sensazione di gioia; un aflusso rapido e improvviso; una crescita improvvisa e vigorosa; un'improvvisa sensazione di calore; abbondante, pieno, ricco…" Tradotto in termini culturistici, il flushing si riferisce alla piena irrorazione sanguigna di una determinata parte del corpo. Un'irrorazione che avviene nel modo più rapido possibile e con il massimo afflusso di sangue. Il termine flushing è senza dubbio uno dei principi Weider che ha dato il via al bodybuilding moderno. Ma se ancora non avete carpito il legame tra flushing-bodybuilding allora ponetevi queste domande: Che cosa porta l'ossigeno necessario a produrre energia? Che cos'è che trasporta ai muscoli le proteine che servono per farli crescere? Che cosa trasporta via le sostanze di scarto? La risposta a queste semplici domande è una sola: il SANGUE. E qual è il modo migliore per far arrivare il sangue ai muscoli? Il FLUSHING !! Quando Joe Weider agli inizi degli anni '50 ha proposto il principio del flushing, ha rivoluzionato il vecchio sistema d'allenamento che era costituito da uno schema di tre giorni, allenando ogni giorno ogni parte del corpo con centinaia di serie…La rivoluzione di Weider fu quella di introdurre un allenamento suddiviso a seconda dei gruppi muscolari. Weider sapeva che uno dei fattori più importanti per la crescita muscolare era "far arrivare il sangue ai muscoli". Quando si esegue una serie di esercizi per un gruppo muscolare, ad esempio per i tricipiti, si fa uso del principio del flushing. Quando si eseguono seri multiple oppure più di un esercizio per la stessa parte del corpo, si utilizza il principio del flushing; lo stesso vale per i sets composti, le superserie, etc…Oggi tutto ciò rappresenta l'allenamento convenzionale. Alcuni bodybuilder pensano che il flushing si tratti di arrivare al cedimento muscolare, ma in questo caso si parla solo di afflusso di sangue molto breve. Il flushing, invece, dura decisamente più a lungo. L'unico modo per assicurasi che la massima quantità di sangue raggiunga i muscoli da allenare è quello di restringere al massimo l'azione dell'esercizio ( non abbandoniamo mai gli esercizi composti! ). In altre parole di, isolare il singolo gruppo muscolare. Quando i campioni allenano più parti del corpo nello stesso workout, si tratta in genere di gruppi muscolari confinanti, come petto e spalle, bicipiti e tricipiti o quadricipiti e femorali. E' raro vedere un bodybuilder allenare insieme petto e quadricipiti, e questo per limitare l'irrorazione sanguigna (e quindi la stimolazione e l'afflusso di sostanze nutritive ) ad una specifica regione del corpo. Questo approccio, inoltre, aiuta a prevenire i traumi innalzando la temperatura interna del tessuto muscolare e perimuscolare prima di iniziare con il lavoro pesante. Il flushing richiede esercizi eseguiti da più angolazioni, migliorando lo sviluppo muscolare a più sezioni. Come già detto, muscoli crescono solo se vengono adeguatamente irrorati dal sangue che trasporta le sostanze nutritive, ma perché il maratoneta, che ha certamente un enorme afflusso di sangue alle gambe, non sviluppa dei muscoli ipertrofici? La risposta è semplicemente legata al tipo diverso di fibre muscolari ( di tipo I lente ) tra il maratoneta e il culturista ( fibre di tipo IIa -IIx veloci ); ma è anche vero che i muscoli del maratoneta sono più grossi e definiti di quelli delle braccia o del petto, è questo è dovuto proprio all'afflusso di sangue. Le sue gambe, infatti, sono sempre irrorate di sangue. Per un bodybuilder il problema principale è sottoporre le fibre muscolari ( di tipo IIa -IIx veloci ) ad uno stress sufficiente per provocarne l'ipertrofia. Per riuscirci non è sufficiente sollevare carichi elevati. Se così fosse i powerlifter avrebbero dei muscoli enormi, e invece le cose non stanno così, e questo è dovuto al fatto che: i bodybuilder si allenano con un maggior numero di ripetizioni e con un maggior isolamento muscolare, cosa che a sua volta favorisce il forte afflusso di sangue ai muscoli. Ritornando all'esempio del maratoneta; senza il lavoro con i pesi, l'atleta sviluppa definizione, resistenza e vascolarizzazione, ma non molta massa muscolare, poiché adotta il flushing ma non la resistenza offerta dai pesi. Dal punto di vista fisiologico, il flushing costante aumenterà la resistenza dei suoi muscoli ( stimolando le fibre di tipo I lente ), creando nuovi vasi capillari ed aumentando il numero di mitocondri ( organelli cellulari preposti a produrre energia ). Adesso confrontiamo questa situazione con quella di un bodybuilder; in quest'ultimo il flushing di un determinato gruppo muscolare non solo fa aumentare le dimensioni delle fibre muscolari ( IIa e IIx ) grazie al sovraccarico progressivo, ma determina la dilatazione del sarcoplasma ( matrice fluida delle proteine muscolari ). Il sangue inoltre porta nelle cellule O2 e sostanze nutritive, rimovendo i cataboliti (lattati e CO2 ). Grazie all'intuizione di Ben Weider, oggi il flushing resta uno dei fondamenti del bodybuilding moderno. Ora capirete che dopo un'intenso workout quella "…improvvisa sensazione di calore, abbondante, piena, ricca…" ha un nome: FLUSHING !


    Il pompaggio non ti serve ,puo servire prima di una gara BB.

    Le fibre vanno stressate,lacerate allora vengono riparate e aumentate dal fisico. Se i carichi aumentano la tua massa magra aumenta .
    “ se ti abitui a mettere dei limiti a quello che fai, fisicamente o in qualsiasi altro livello, questo si ripercuoterà in tutte le tue azioni per il resto della tua vita. Si propagherà nel tuo lavoro, nella tua morale, nel tuo essere in generale. Non ci sono limiti. Ci sono fasi, ma non devi rimanere ancorato ad esse, bisogna superarle… L’uomo deve costantemente superare i suoi limiti”
    Bruce Lee.

  10. #10
    LELE1978 non  è collegato Principiante
    Data Registrazione
    Jun 2003
    Messaggi
    10

    Predefinito Risposta

    Allora tu dici semplicemente che per avere una buona ipertrofia bisogna arrivare all'impossibilita' muscolare con meno serie possibili(tipo con 8 rip) e avendo i muscoli pompati di sangue.
    Frollarli ulteriormente farebbe consumare il muscolo.
    Io chiedo sensazioni!!!
    Domanda:Cosa significa essere arrivati all'impossibilita' muscolare?
    Che neanche dopo 2 minuti riesco a fare con il stesso peso una serie da 5 rip?
    O significa che ho raggiunto il massimo a esecuzione ottimale.
    A forza di volonta' io potrei allenare lo stesso muscolo fino allo svenimento per 3 o 4 ore, facendomi scoppiare il cuore!!!!
    Qual'e' la sensazione fisica di quel dato muscolo che ci fa' dire: ok basta!!
    Io direi che il momento propizio e' quando si e' raggiunto il massimo di serie eseguibili in modo corretto.
    Non l'impossibilita' muscolare, cosa ne dite?
    Per me non esiste l'impossibilita' muscolare.

    P.s. sapete benissimo che si puo' andare avanti a fare serie partendo a fare croci con 30 kg a mano e arrivare a farle con 1 kg l'ultima serie, ma penso che a quel punto il muscolo si e' bruciato.

  11. #11
    L'avatar di Dragon Ball
    Dragon Ball non  è collegato Mr Italia
    Data Registrazione
    Dec 2002
    Messaggi
    175

    Predefinito

    Che ad un aumento di carichi corrisponda un necessario aumento della massa magra questo non è sempre vero, inoltre la relazione forza-massa non è direttamente proporzionale uno dei motivi per cui si parlava dei microcarichi e di quando non siano utili. Inoltre bisogna vedere cosa si intende con pompaggio, visto che comunque anche il volume vuola la sua parte ed allenamenti ultra-brevi alla lunga, come sostiene lo stesso McRobert (lo dico x tutti i sostenitori..... ) non portano a molto. Quindi bisognerebbe analizare la scehda anzichè parlare a priori di pompaggio.

    http://www.bbhomepage.com/forum/show...&threadid=1604
    ****************

  12. #12
    L'avatar di frank leone
    frank leone non  è collegato lo specialista
    Data Registrazione
    Dec 2002
    Località
    Deathvalley
    Messaggi
    1,332

    Predefinito Re: Risposta

    Originally posted by LELE1978
    !!!
    Domanda:Cosa significa essere arrivati all'impossibilita' muscolare?
    Che neanche dopo 2 minuti riesco a fare con il stesso peso una serie da 5 rip?
    O significa che ho raggiunto il massimo a esecuzione ottimale.
    guarda non so se ti può essere utile prova a darci un'occhiata che ne abbiamo già parlato!

  13. #13
    L'avatar di weboy
    weboy non  è collegato Mr Olympia
    Data Registrazione
    Dec 2002
    Località
    1.84cm 80kg
    Messaggi
    1,185

    Predefinito


    Allora tu dici semplicemente che per avere una buona ipertrofia bisogna arrivare all'impossibilita' muscolare con meno serie possibili(tipo con 8 rip) e avendo i muscoli pompati di sangue.
    Frollarli ulteriormente farebbe consumare il muscolo.
    Io chiedo sensazioni!!!
    Domanda:Cosa significa essere arrivati all'impossibilita' muscolare?

    significa che hai accumulato tanto di quell'acido lattico che se avessi ancora qualche fibra da spompare non potresti.
    Che hai consumato tutte le risorse energetiche del muscolo e non puoi portarlo piu ad una contrazione efficace,significa che a lungo andare vai all'ospedale,che lo puoi facilmente infiammare o scassarti i tendini cosi facendo.
    Devi dare lo stimolo a crescere e quindi portare a cedimento il maggior numero di fibre nel minor tempo possibile per non cedere a causa dell'acido lattico piu che per lo stress delle fibre.
    Per stimolare il muscolo a crescere basterebbe 1 serie a cedimento ma questa è teoria,nella pratica è difficilissimo sfruttare al meglio la monoserie quindi almeno 2-3 serie.

    Che neanche dopo 2 minuti riesco a fare con il stesso peso una serie da 5 rip?
    O significa che ho raggiunto il massimo a esecuzione ottimale.
    A forza di volonta' io potrei allenare lo stesso muscolo fino allo svenimento per 3 o 4 ore, facendomi scoppiare il cuore!!!!

    Esatto il modo migliore per scassarti.

    Qual'e' la sensazione fisica di quel dato muscolo che ci fa' dire: ok basta!!
    Io direi che il momento propizio e' quando si e' raggiunto il massimo di serie eseguibili in modo corretto.
    Non l'impossibilita' muscolare, cosa ne dite?
    Esatto la sensazione è quella che ti porta a fermarti quando raggiungi il massimo numero di serie in modo corretto andando a cedimento dalla prima all'ultima o solo nell'ultima,tecniche diverse che funzionano devi provare.
    Le serie possono essere di piu o meno a seconda del carico e della tecnica utilizzata.
    Diciamo che con 3 serie in media sei apposto con tutto il corpo per stimolare l'ipertrofia.Devi stimolarla non devastarti.

    Fai ad esempio il tuo 3x12 allo squat e arrivi all'ultima a fatica, la volta dopo aumenti 1-2kg e via cosi...progressione,recupero (psico-neuro-fisico), compensazione,supercompensazione
    e via.Hai uno stallo ? fermati per un po e mangia in modo intelligente, poi riparti,non va ancora? cambia esercizi e prova altri stimoli....via cosi ma non farti troppe storie mentali o ti perdi nel nulla .

    Se ad ogni allenamento ti devasti finirai devastato provare per credere.
    Non pensare solo ai muscoli,deve recuperare il sistema nervoso,i tendini,il fisico in generale.


    Per me non esiste l'impossibilita' muscolare.

    Esiste eccome l'impossibilita muscolare,provaci ma rischi contratture ,crampi,infiammazioni,il corpo si difende in qualche modo e ti ferma.Il primo a farlo è l'acido lattico poi c'è il sistema nervoso che ti toglie le forze.....
    “ se ti abitui a mettere dei limiti a quello che fai, fisicamente o in qualsiasi altro livello, questo si ripercuoterà in tutte le tue azioni per il resto della tua vita. Si propagherà nel tuo lavoro, nella tua morale, nel tuo essere in generale. Non ci sono limiti. Ci sono fasi, ma non devi rimanere ancorato ad esse, bisogna superarle… L’uomo deve costantemente superare i suoi limiti”
    Bruce Lee.

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Consigliati per Voi
Seguici su Facebook Seguici su Google+ Seguici su Twitter