Sign Up Now FAQ
Signup Now
Per poter scrivere un nuovo messaggio o rispondere a quelli esistenti
ed entrare a far parte della community, è necessario registrarsi.
Eicos il Software per la Dieta a Zona
Scarica oggi Eicos e crea il tuo piano alimentare secondo i principi della Dieta a Zona.
Eicos è la soluzione ideale per provare tutti i benefici della Dieta a Zona del Dott. Barry Sears
Schede d'allenamento
Composizone nutrizionale degli alimenti
Indice Glicemico degli alimenti
Galleria Fotografica Professionisti
Invia una Cartolina

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 15 di 20

Discussione: scapole, spalle &co.

  1. #1
    L'avatar di Gymmer
    Gymmer non  è collegato Mr Universo
    Data Registrazione
    Jun 2004
    Località
    Altezza 1.79 Peso 70Kg
    Messaggi
    678

    Predefinito scapole, spalle &co.



    avevo alcune domande da fare:

    a)mi sono da poco accorto che,nonostante non sia secco, quando mi metto in postura eretta all'inpiedi ho le scapole leggermente fuori ( nel senso escono indietro fuori dalla schiena ). Credete che per alleviare questo difetto debba continuare ad allenarmi come sto facendo, con panca, rematore, lat , oppure devo aggiungere qualche esercizio in particolare ? che so il pulley o qualche altra cosa...

    b)vorrei ingrossare di + la parte evidenziata in marrone nell'immagine ( credo siano i trapezi )...devo aspettare un po' che cresco facendo i multiarticolari, o devo aggiungere qualcosa tipo tirate al mento e scrollate? è necessario o superfluo?

    c) questa settimana ho notato qualcosa di strano nei pettorali... nella panca piana ( IN QUELLA inclinata non mi succede ) faccio le prime 2 serie con 36-38 kg e tutto ok...poi quando faccio la 3^ e la 4^ ho notato che, nonostante i pettorali non mi facciano tanto male e nonostante abbia la forza per tirare su, arrivato alla 6-7 rip non riesco a spingere su il bilanciere, come se fossi bloccato dalle braccia....cosa significa? il mio allenatore ha detto che devo fare una progressione diversa tipo 30-34-38-42 e che quando lo eseguo, devo partire con il bilanciere + vicino al collo e devo spingere con una traiettoria + dritta anzikè obliqua ...

    Lo so che vi ho tartassato di domande, spero che voi siate tanto gentili da potermi rispondere ed aiutarmi...
    grazie a tutti, sono sicuro che con qualche ritocco alla mia scheda grazie a voi riuscirò a migliorare ancora di +

    N.B.= avevo pensato di sostituire alla chest press le croci su panca piana..che dite?

  2. #2
    L'avatar di Gymmer
    Gymmer non  è collegato Mr Universo
    Data Registrazione
    Jun 2004
    Località
    Altezza 1.79 Peso 70Kg
    Messaggi
    678

    Predefinito

    qui c'è l'anatomia
    Anteprime Allegate Anteprime Allegate scapole, spalle &co.-anatomia.gif  

  3. #3
    L'avatar di PumaVive
    PumaVive non  è collegato Mr Universo
    Data Registrazione
    May 2005
    Località
    183 cm x 95 kg
    Messaggi
    607

    Predefinito

    a) Hai semplicemente le scapole alate, Anch'io li avevo, niente che non si possa coprire grazie agli stacchi ed ai rematori, usati sempre con inteligenza senza abusarne

    b)X qst particolare muscolo io sono del parere che gli shrug siano l'esercizio + indicato, sono una specie di scrollate con bilanciere dietro la schiena, cerca su internet troverai sicuramente delle immaggini cn l'esatta esecuzione o fattelo spiegare dal tuo allenatore che è meglio

    c)Coinvolgi probabilmente troppo tricipiti e spalle e di conseguenza qst si stancano prima non permettendoti di sfruttare appieno il petto, anche se dovrebbe essere normale non riuscire ad aumentare il carico ed eseguire le stesse rip

    La chest press lasciala stare a chi vuole fare la modella, e cerca di alzare ghisa!!!
    Comin'for you, we're the cowboys from hell - Pantera

  4. #4
    L'avatar di Gymmer
    Gymmer non  è collegato Mr Universo
    Data Registrazione
    Jun 2004
    Località
    Altezza 1.79 Peso 70Kg
    Messaggi
    678

    Predefinito

    magari al posto della chest ci metto le croci su panca piana..
    ma x non coinvolgere troppo tricipiti e spalle, comedevo fare? non c'è un link con l'esatta spiegazione e magari con un immagine? ho provato a cercare nel forum ma mi da troppi 3d...

    A proposito ma tu dopo quanto tempo sei riuscito a coprire le scapole di "carne" ?

  5. #5
    L'avatar di Gymmer
    Gymmer non  è collegato Mr Universo
    Data Registrazione
    Jun 2004
    Località
    Altezza 1.79 Peso 70Kg
    Messaggi
    678

    Predefinito

    [QUOTE=PumaVive]anche se dovrebbe essere normale non riuscire ad aumentare il carico ed eseguire le stesse rip[QUOTE]

    ma sai qual è il fatto? anche se abbasso il peso ( ho già provato un paio di volte ) nn riesco a raggiungere le 10 rip...

  6. #6
    L'avatar di tyler85
    tyler85 non  è collegato Mr Italia
    Data Registrazione
    Dec 2005
    Messaggi
    145

    Predefinito

    Questa discussione interessa anche me, sopratutto x le scapole e i pettorali (duri da far crescere per quanto mi riguarda, porcaccia la...!), quindi postate numerosi!!

  7. #7
    L'avatar di PumaVive
    PumaVive non  è collegato Mr Universo
    Data Registrazione
    May 2005
    Località
    183 cm x 95 kg
    Messaggi
    607

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Gymmer
    ma x non coinvolgere troppo tricipiti e spalle, comedevo fare? non c'è un link con l'esatta spiegazione e magari con un immagine? ho provato a cercare nel forum ma mi da troppi 3d...

    A proposito ma tu dopo quanto tempo sei riuscito a coprire le scapole di "carne" ?
    Basta che adotti una presa largo qnt le spalle o anche +

    Dopo un paio di anni li avevo ricoperte completamente

    Ma ti alleni in palestra o a casa?
    Comin'for you, we're the cowboys from hell - Pantera

  8. #8
    L'avatar di Gymmer
    Gymmer non  è collegato Mr Universo
    Data Registrazione
    Jun 2004
    Località
    Altezza 1.79 Peso 70Kg
    Messaggi
    678

    Predefinito

    in palestra...solo che certe cose nn le domando all'istruttore xkè ho vergogna

    cmq ho fatto una ricerca dello shrug in questo forum...
    ce ne sono due varianti che in effetti già mi aveva spiegato il mio istruttore....
    presa larga quanto le spalle, bilanciere o avanti o indietro ( a seconda delle varianti ) e devo tirare su solo con i trapezi...solo nn ho capito una cosa: il palmo delle mani, nel caso del bilanciere avanti, deve essere rivolto verso me giusto? invece nel caso del bilanciere dietro, il palmo dove deve essere rivolto? verso i glutei o indietro?

    altra cosa: per le spalle vanno sempre bene le alzate laterali o devo aggiungere qualcosa tipo shoulder pres ? ( nn dite lento avanti che un po' di tempo fa ho avuto un problema e nn credo di rifarlo, almeno x ora )

    grazie in anticipo

    N.B:= quindi x le scapole continuo con il rematore o c'è bisogno delle tirate al mento?

  9. #9
    L'avatar di fifty
    fifty non  è collegato Super Moderatore
    Data Registrazione
    Nov 2003
    Messaggi
    5,012

    Predefinito

    Le alterazioni morfologiche si definiscono:

    - Atteggiamenti viziati: difetti del portamento correggibili volontariamente.

    - Paramorfismi: difetti del portamento, che senza alcuna modificazione ossea, alterano l'armonico sviluppo dell'organismo. Sono difetti lievi che se ben curati non comportano alcun problema.

    - Dismorfismi: alterazioni strutturali ossee e muscolo-legamentose che inducono atteggiamenti posturali errati non reversibili.

    Nel primo caso è sufficiente una attività di palestra generale tendente a rafforzare e mantenere nel contempo estensibili tutti i muscoli del corpo.

    Nel secondo caso l'intervento diviene più delicato e per serietà professionale è opportuno indirizzare l'utente ad un consulto da uno specialista di ginnastica correttiva. Su indicazione dello specialista è poi possibile proseguire col lavoro generale in palestra ponendo particolare attenzione agli esercizi specifici consigliati.

    Il terzo caso rientra nella patologia vera e propria.

    Quindi intervenire in questo campo senza conoscenze specifiche vuole anche dire assumersi una grossa responsabilità.

    Comunque, a titolo informativo ti sintetizziamo come si opera generalmente in presenza di scapole alate.

    Le scapole alate possono avere diverse cause predisponesti come l'ereditarietà, la tipologia morfologica, scarso tono muscolare, abituali atteggiamenti del corpo non corretti, ecc. Oltre a problemi estetici, questa situazione comporta anche una ridotta capacità respiratoria.

    I muscoli responsabili che presentano ipotonia i ipotrofia sono il Trapezio medio, Grande dentato e Romboidei. A questo si somma l'ipertonicità degli antagonisti quali il Grande e Piccolo pettorale e Deltoide anteriore. Questa azione congiunta determina lo "scollamento" delle scapole dal torace e il loro allontanamento dalla colonna vertebrale.

    Le scapole alate possono presentarsi:

    - addotte: anche se "scollate" sono ravvicinate col bordo interno (ventrale) alla colonna vertebrale e ruotano leggermente all'interno con l'angolo inferiore. Il deficit muscolare è soprattutto a carico del Gran dentato. Vanno rafforzati il Gran dentato e il Trapezio.

    - abdotte: le scapole sono proiettate in avanti, distanti dalla colonna vertebrale, sollevate, "scollate" (angolo inferiore) e ruotate verso l'interno. Il più delle volte si presenta anche una cifosi dorsale. Un ruolo determinante di questa situazione è svolto dall'accorciamento del Piccolo pettorale.

    Vanno rafforzati il Gran dentato e il Romboide, specialmente con esercizi che prevedono l'extrarotazione del braccio.

    In ambedue i casi va anche fatta una azione di allungamento (stretching) dei muscoli che antepongono la spalla e il braccio (gli esercizi sono trattati in maniera specifica e dettagliata su Sportraining alla News dedicata alla "Cuffia dei rotatori della spalla).

    In sintesi:

    - Quando si è in presenza di cifosi, la prima cosa che viene consigliata è l'esclusione di qualsiasi esercizio che impegni i muscoli pettorali (antepositori delle spalle).

    - Una iniziale presenza di scapole alate e cifosi può essere corretta con semplici esercizi che prevedono un lavoro tonificante dei muscoli che retropongono le spalle, che avvicinano le scapole alla colonna vertebrale e nel contempo le "incollano" al torace.

    Nell’impostazione degli esercizi va tenuto presente che il movimento di extrarotazione (rotazione in fuori) delle braccia permette la massima aderenza delle scapole alla gabbia toracica e il massimo avvicinamento delle scapole alla colonna vertebrale. Praticamente il massimo lavoro dei muscoli adduttori delle scapole.

    Il movimento di rotazione esterna delle braccia può essere effettuato da solo o abbinato ad altri movimenti. Nell’esecuzione degli esercizi può essere vantaggioso, ad ogni ripetizione, fermarsi qualche secondo nella fase di massima tensione. Inoltre inspirare durante la contrazione ed espirare in fase di rilassamento:

    1) rotazione esterna “forzata” delle braccia e retroposizione delle spalle da stazione eretta o seduta con le braccia lungo i fianchi;

    2) Extrarotazione delle braccia e retroposizione delle spalle da seduto, braccia a “candeliere”;

    3) Simile all’esercizio n. 2, partendo da mani sul petto e gomiti all’altezza delle spalle;

    4) Posizione come l’esercizio n. 3, ma da decubito supino. Sollevare il più possibile il dorso da terra agendo con i gomiti e la nuca. Anche glutei rimangono a terra;

    5) Con i pesi liberi, sono particolarmente indicate le flessioni delle braccia (l’esercizio del “rematore” partendo da braccia avanti. Può essere eseguito da busto inclinato con manubri, da seduto su rowing e pulley machine, ecc.). Con i pesi liberi la preferenza va data ai manubri rispetto al bilanciere in quanto permettono, nel finale del movimento, di retroporre le spalle ed extraruotare il braccio.

    Con le macchine, data l’impossibilità di ruotare le mani sull’impugnatura, quindi di extraruotare il braccio, va scelta già in partenza una posizione a pollici in fuori.

    Il carico dovrebbe essere tale da permettere almeno 14-18 ripetizioni per serie. Anche in questo caso può essere vantaggioso ad ogni ripetizione fermarsi qualche secondo nella fase di massima tensione (contrazione statica).

    Si possono eseguire, per 3 volte a settimana, 2 esercizi per 4-5 serie ciascuno.

    Un altro esercizio molto interessante ed efficace, che mantiene in costante posizione retratta le spalle e in continua tensione i muscoli del dorso è la distensione delle braccia in alto da seduto o da stazione eretta. La metodologia è la stessa esposta sopra.

    Durante tutta l'esecuzione degli esercizi il busto deve risultare sempre esteso con la testa in linea. Lo stretching a fine allenamento è sicuramente importante per tutti i muscoli, in questo caso soprattutto per il Grande e Piccolo pettorale la cui eccessiva tonicità "tira" le spalle in avanti.

    Lo stretching a fine allenamento è sicuramente importante per tutti i muscoli, in questo caso soprattutto per il Gran pettorale la cui eccessiva tonicità "tira" le spalle in avanti e contribuisce allo “scollamento” delle scapole.

    Di fondamentale importanza sono le posture del corpo che si assumono durante la vita quotidiana (seduti, stazione eretta, ecc.). In linea generale il busto va mantenuto eretto e le spalle leggermente retratte.

  10. #10
    L'avatar di PumaVive
    PumaVive non  è collegato Mr Universo
    Data Registrazione
    May 2005
    Località
    183 cm x 95 kg
    Messaggi
    607

    Predefinito

    Mamma mia fifty!!!
    Ci sei andato giù pesante
    cmq a parte gli scherzi, farò tesoro di qnt hai scritto
    Comin'for you, we're the cowboys from hell - Pantera

  11. #11
    Psico non  è collegato Principiante
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    65

    Predefinito

    fifty mi sn letto il tuo post. Volevo chiederti delle cose. Gli esercizi ke consigli sn indicati solo all'inizio di questo problema o possono essere utili per chi ha cifosi (poca) e scapole alate gia da un po di anni?.

    Avendo le scapole adbotte, dovrei rinforzare il gran dentato e il romboide. Mi potreste suggerire qualche esercizio? Io adesso per il dorso faccio rematore manubri, lat machine presa larga avanti e pulley basso.
    Altra cosa...nn riesco a trovare gli esericizi di streching su sportraining....

    se ho detto delle cazzate...sorry...
    Grazie

  12. #12
    L'avatar di fifty
    fifty non  è collegato Super Moderatore
    Data Registrazione
    Nov 2003
    Messaggi
    5,012

    Predefinito

    Un esercizio che ti posso consigliare sono le alzate laterali o frontali palmo della mano rivolto in alto, spinte in basso braccia tese alla lat o alla torre sempre palmo in alto, il pullover modificato con braccia piegate gomiti larghi, per ultimo, ma non mi sento di consigliarlo lat dietro.
    Prova a variare con questi esercizi, inserendoli nella tua normale routine.
    Usa poco peso, che ti permette di fare 2/3 serie da 10/12 ripetizioni-

  13. #13
    Psico non  è collegato Principiante
    Data Registrazione
    Nov 2005
    Messaggi
    65

    Predefinito

    Grazie della risposta veloce fifty. Ma questi esercizi li devo aggiungere solo 1 giorno a settimana o tutti e 3 i giorni dell'allenamento?

    Posso aggiungere le alzate lat o frontali il giorno ke faccio spalle e il pulley il giorno ke faccio dorso? Scusa, un'altra cosa, nn ho capito come si fa la lat machine a braccia tese...

  14. #14
    L'avatar di fifty
    fifty non  è collegato Super Moderatore
    Data Registrazione
    Nov 2003
    Messaggi
    5,012

    Predefinito

    Certo che puoi fare come hai detto tu!
    Per la lat braccia tese, devi posizionarti davanti alla lat in piedi, ad una distanza pari al tuo braccio teso, impugni la barra ad una larghezza pari a quella delle spalle (per questo esercizio la presa deve essere supinata), pieghi leggermente la schiena, diciamo 30°. tiri verso il basso con le braccia tese, fino ad arrivare a sfiorare quasi le gambe, rimani con le spalle addotte contraendo per 2 sec. esegui la fase negativa lentamente fino a portare le braccia sullo stesso asse del corpo.
    Quando porti le braccia verso il basso, tieni la testa che guarda verso l'alto, al contrario, quando risali ,tieni la testa che guarda verso il basso.
    La spiegazione sembra complicata ma è abbastanza semplice l'esecuzione

  15. #15
    L'avatar di Gymmer
    Gymmer non  è collegato Mr Universo
    Data Registrazione
    Jun 2004
    Località
    Altezza 1.79 Peso 70Kg
    Messaggi
    678

    Predefinito


    grazie x la tua perla di sapienza fifty..
    io invece,facendo una full body, posso variare così ( anche io ho le scapole abdotte, quindi lontane dalla colonna ) :

    Dorso:
    rematore 4x12-10
    spinte in basso alla lat ( il palmo verso l'alto giusto ? ) 3x12-10
    pulley basso con braccia piegate / lat dietro ( sono indeciso tra i 2 ) 3x12-10

    Spalle
    alzate laterali con palmo in alto 4x12-10

    trapezi
    shrug bilanciere

    Cosa ne pensi Fifty? ho eliminato la lat dietro ( però sono indeciso se metterla al posto del pulley ) e la lat presa stretta con presa supina

    Ultima cosa: le tirate al mento me le consigli ? ( nn ho problemi tipo cifosi o scoliosi )

    Grazie in anticipo, gentilissimo
    Francesco

    N.B.= ma nelle spinte in basso alla lat, quando sono in fase negativa fino a dove devo arrivare con le braccia? all'altezza delle spalle ( parallele al pavimento ) o + su ?
    Ultima modifica di Gymmer; 27-02-2006 alle 11:15 AM

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Consigliati per Voi
Seguici su Facebook Seguici su Google+ Seguici su Twitter